ORMONI TIROIDEI


Gli ormoni tiroidei sono la triiodotironina (T3) e la tiroxina (T4). Gli ormoni tiroidei hanno un’importante funzione per l’organismo: quando il nostro fisico viene sottoposto ad un forte stress fisico o psicologico, o quando i livelli di ormoni tiroidei diminuiscono nel circolo ematico, una parte dell’encefalo, l’ipotalamo, viene stimolato a produrre e rilasciare il TRH, cioè l’ormone rilasciante la tireotropina. Il TRH a sua volta agisce sul lobo anteriore della ghiandola ipofisi, l’adenoipofisi, e stimola la produzione di TSH, chiamato anche tireotropina, ormone tireotropo o ormone tireostimolante. Il TSH stimola la tiroide a produrre e liberare in circolo gli ormoni tiroidei.

Ormoni tiroidei valori normali

T3 o triiodotironina: 100–200 ng/dL (1.54–3.08 nmol/L secondo l’unità di misura dell’SI, l’International System Units)

fT3 o triiodotironina libera: 2.6–4.8 pg/ml (4.0–7.4 pmol/L secondo l’unità di misura dell’SI, l’International System Units)

T4 o tiroxina: 4.5–11.2 μg/dL (58–144 nmol/L secondo l’unità di misura dell’SI, l’International System Units)

fT4 o tiroxina libera: 0.8–2.7 ng/dL (10–35 pmol/L secondo l’unità di misura dell’SI, l’International System Units)

Torna all’introduzione

Meccanismo d’azione degli ormoni tiroidei

Gli ormoni tiroidei sono prodotti dalla tiroide, una ghiandola a forma di farfalla situata nella parte anteriore del collo. Gli ormoni tiroidei sono sintetizzati a partire dalla tireoglobulina, a sua volta dipendente dalla presenza di iodio (una carenza di iodio provocherà quindi un deficit di ormoni tiroidei) e dalla tirosina, un aminoacido precursore anche di altre sostanze come catecolamine (dopamina, adrenalina, noradrenalina) e melanina. Il principale regolatore dell’attività della tiroide è il TSH (ormone tireostimolante o Thyroid-stimulating hormone), chiamata anche tireotropina o , un ormone prodotto a livello dell’ipofisi, che a sua volta è stimolato da un ormone prodotto a livello talamico, il TRH (thyrotropin-releasing hormone). Bassi livelli di ormoni tiroidei stimolano la maggior produzione di TRH e aumentano i recettori del TRH a livello delle cellule ipofisarie: di conseguenza, l’ipofisi produce maggiori quantità di TSH, che va ad agire direttamente sulle cellule tiroidee e sui vari enzimi tiroidei, comportando una maggior produzione ormonale. Il contrario accade quando vi è una quantità troppo elevata di ormoni tiroidei nel circolo ematico.

Gli ormoni tiroidei sono rappresentati dalla tiroxina (T4) per oltre il 90%. Il T4 viene poi convertito a livello periferico intracellulare dall’enzima 5-deiodinasi a triiodotironina (T3), un ormone almeno 5 volte più attivo della tiroxina. Per entrambi gli ormoni tiroidei esiste una frazione libera o “free” (indicata con una f prima del nome dell’ormone: fT3 e fT4), e una porzione legata alle proteine plasmatiche, come ad esempio la globulina legante la tiroxina (thyroxine-binding globulin, TBG), l’albumina e la transtiretina. Ad esempio, circa il 99,7% del T3 è legato alle proteine plasmatiche, e solo lo 0.3% si trova sottoforma di fT3. Le proteine che legano gli ormoni tiroidei non sono mai saturate del tutto: la TBG ad esempio in condizione fisiologiche è saturata per meno di un terzo della sua disponibilità totale. Il rapporto tra frazione degli ormoni tiroidei legati alle proteine e frazione libera dipende dal fabbisogno energetico dell’organismo e dall’attività della tiroide.

Nell’ipotiroidismo, avendo una quantità totale di tiroxina più bassa del normale, ci sarà una maggior “liberazione” della parte di ormoni tiroidei legati alle proteine: in questo modo nelle fasi iniziali dell’ipotiroidismo la frazione libera potrà essere ancora normale o solo moderatamente ridotta, mentre la frazione legata sarà già fortemente diminuita. Solitamente (ma non sempre) nell’ipotiroidismo si riscontrano valori alti di TSH, a causa dell’aumentata attivazione della tiroide in risposta ai bassi valori di tiroxina e triodotironina.

In caso di ipertiroidismo ci sarà in circolo una quantità eccessiva di ormoni tiroidei: per rimediare a questa sproporzione la frazione legata alla TBG e alle altre proteine plasmatiche aumenterà, cercando di mantenere un lievello di tiroxina e triiodotironina il più possibile vicino ai valori normali. Nell’ipertiroidismo, a causa del meccanismo di autoregolazione ipotalamo-ipofisario che viene soppresso dai valori alti di ormoni tiroidei, è più comune riscontrare valori bassi di TSH.

In alcuni casi ci si può trovare di fronte ad un “falso ipertiroidismo” in questa situazione si evidenziano valori totali elevati di tiroxina o triiodotironina, senza però che il paziente mostri i segni e sintomi tipici di ipertiroidismo; è il caso, ad esempio, delle donne in gravidanza o delle persone in terapia con farmaci contenenti estrogeni: in queste situazioni, l’alto livello di estrogeni può aumentare la sintesi della TBG e di conseguenza un aumento della quantità di ormoni tiroidei legati alle proteine. La frazione libera di ormoni tiroidei diminuirà di conseguenza, e la tiroide, stimolata dal TSH, cercherà di compensare producendo una quantità maggiore di ormoni tiroidei: in conclusione alle analisi del sangue avremo valori normali di fT3 e fT4 e valori alti di T3 e T4 totali.

In altri casi può essere riscontrato un “falso ipotiroidismo”: ciò si verifica in corso di terapie a base di cortisone, o in presenza di patologie a carico del fegato: in entrambi i casi si può assistere ad una diminuita produzione di TBG e delle altre proteine leganti gli ormoni tiroidei. La frazione legata alle proteine diminuirà, e di conseguenza la frazione di tiroxina e triiodotironina libere aumenterà: questo porterà ad una diminuzione della “spinta produttiva” esercitata dall’ipofisi sulla tiroide tramite il TSH, e agli esami del sangue si potranno riscontrare valori totali bassi di T3 e T4, con valori normali di fT3 e fT4.

Gli ormoni tiroidei sono fondamentali per numerose funzioni primarie del nostro corpo, come ad esempio la produzione di energia tramite il controllo sugli enzimi responsabili del metabolismo energetico,  e i processi di crescita e sviluppo dell’organismo.

L’azione degli ormoni tiroidei si manifesta ad esempio a livello cardiaco: fT3 in particolare presenta un effetto inotropo e cronotropo positivo, cioè causa un incremento della gittata e della frequenza cardiaca, permettendo una corretta irrorazione sanguigna degli organi. Livelli troppo bassi di fT3 e fT4 possono contribuire allo sviluppo di insufficienza cardiaca; al contrario, livelli troppo alti di triiodotironina e tiroxina causeranno tachicardia e un’attività esagerata della pompa cardiaca.

Per controbilanciare l’aumentato consumo di ossigeno legato all’aumentata attività cardiaca, fT3 e fT4 aumentano anche la disponibilità di ossigeno facilitandone la liberazione dalla molecola di emoglobina, e favorendo l’emopoiesi, cioè la produzione di globuli rossi ed emoglobina, tramite l’aumentata produzione di EPO (eritropoietina).

Gli ormoni tiroidei sono essenziali nei processi di apprendimento e nella memoria, nel mantenerci reattivi agli stimoli esterni e con un’ adeguato stato di vigilanza.

Sotto l’effetto degli ormoni tiroidei vengono mobilizzate le sostanze grasse (lipidi e acidi grassi) del nostro organismo e gli zuccheri (carboidrati), contribuendo alla termogenesi, ossia la produzione di calore del nostro corpo. Persone con deficit di tiroxina e triiodotironina hanno difficoltà di adattamento al freddo, in quanto il loro organismo non riesce a “bruciare” abbastanza sostanze per generare calore sufficiente a mantenere un’adeguata temperatura corporea.

Tiroxina e triiodotironina promuovono inoltre lo sviluppo dermico, osseo e cerebrale del feto, contribuendo all’ossificazione e alla crescita delle fibre nervose, alla mielinizzazione degli assoni e alla ramificazione di dendriti e sinapsi, alla crescita della corteccia dell’encefalo e del cervelletto. È questo il motivo per cui i neonati che hanno sofferto di ridotto apporto di fT3 e fT4 durante il periodo neonatale possono presentare un ritardo mentale (cretinismo infantile) anche grave.

La triiodotironina partecipa al rimodellamento osseo anche negli adulti: in caso di ipertiroidismo aumenta infatti il rischio di osteoporosi.

Torna all’introduzione

Ormoni tiroidei alti

Il riscontro di valori alti di ormoni tiroidei liberi e totali permette di diagnosticare la presenza di ipertiroidismo. I principali sintomi in presenza di fT3 e T3 alti e fT4 e T4 alti possono essere:

  • aumentata frequenza cardiaca
  • ansietà
  • calo ponderale
  • difficoltà di addormentamento e/o  risvegli notturni
  • tremori diffusi
  • disturbi della visione (fotofobia)
  • stanchezza alternata a sensazione di eccitazione
  • diarrea

Torna all’introduzione

Ormoni tiroidei bassi

Il riscontro di valori bassi di ormoni tiroidei liberi e totali permette di diagnosticare la presenza di ipotiroidismo. I principali sintomi in presenza di T4/fT4 o tiroxina totale e libera bassa e T3/fT3 o triiodotironina totale e libera bassa possono essere:

  • affaticamento
  • stitichezza
  • aumento del peso corporeo
  • secchezza e fragilità della pelle
  • fragilità di capelli e unghie
  • perdita di capelli
  • irregolarità del ciclo mestruale
  • Nei casi più gravi, può inoltre manifestarsi:
  • insufficienza cardiaca,
  • perdita dello stato di vigilanza fino al coma
  • nei bambini: ritardo dello sviluppo cerebrale e osseo

Torna all’introduzione

Come si effettua l’esame

L’esame si effettua a partire da un campione di sangue ottenuto con un prelievo venoso. Non è necessario essere a digiuno prima dell’esame. Alcuni farmaci potrebbero interferire con i valori degli ormoni tiroidei: per questo motivo è necessario informare chi valuterà i risultati di tutta la terapia in atto al momento degli esami.

Torna all’introduzione

Perchè si effettua l’esame

[sociallocker id=”403"]Gli ormoni tiroidei vengono misurati per valutare la funzionalità tiroidea ed individuare eventuali alterazioni sia in senso di iperfunzione della tiroide (ipertiroidismo), sia in caso di ipoattività (ipotiroidismo); dosareT3 e T4 è inoltre essenziale, assieme alla misurazione del TSH, per controllare l’efficacia del trattamento terapeutico in caso di ipotiroidismo (monitoraggio della terapia sostitutiva con ormoni tiroidei, il cui nome commerciale più conosciute è l’Eutirox) o di ipertiroidismo (monitoraggio della terapia soppressiva dell’attività tiroidea).

La diagnosi si effettua tramite il test condotto su un campione di sangue ottenuto con un prelievo venoso, che misura la quantità di ormoni tiroidei presenti in circolo. Di solito con lo stesso prelievo il medico consiglia anche il dosaggio del <strong>TSH</strong>, che sono indispensabile per poter stabilire l’eventuale causa di elevati livelli di fT3 e fT4.
Se si sospettano disturbi autoimmunitari della tiroide, a ormoni tiroidei e TSH si associa la ricerca degli anticorpi anti-tiroide, e cioè l’anticorpo anti tireoglobulina (ab anti-TG), che è una molecola precursore dal quale vengono prodotti gli ormoni tiroidei, l’anticorpo anti recettore TSH (ab anti-TSH), e l’anticorpo anti perossidasi tiroidea o anti tireoperossidasi (ab anti-TPO), diretto contro la tiroperossidasi, che è una proteina con funzione enzimatica che regola la produzione degli ormoni tiroidei.

Per avere un quadro più chiaro, spesso queste analisi si associano ad altre test ematici, come ad esempio l’emocromo, la funzionalità renale(urea e creatinina), i sali minerali nel sangue (sodio, potassio, meno frequentemente calcio e magnesio), e i parametri di infiammazione, cioè la proteina C reattiva (PCR), e la velocità di eritrosedimentazione (VES).
Dal punto di vista radiologico, nel caso vi sia un’alterazione morfologica evidente (ad esempio un nodulo palpabile o visibile, o un gozzo tiroideo), o nel caso si vogliano approfondire eventuali alterazioni agli esami del sangue, l’esame di primo livello e un’ecografia della tiroide. Solo in seconda battuta, se necessario, sarà possibile effettuare una scintigrafia tiroidea ed eventualmente un agoaspirato.[/[/sociallocker]p>

Torna all’introduzione

ORMONI TIROIDEI
4.6 (92.73%) 22 votes

20
Lascia una recensione

10 Comment threads
10 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
13 Comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Paula

Salve, ho ritirato gli esami del ft4 il mio valore e’ 8,4 i valori di riferimento sono tra 8,9 e -17,6
Fsh e’ 7,3 .. sto cercando una gravidanza.. ho appuntamento con la mia dottssa tra due settimane quando avrò tutti i risultati, ma sono preoccupata vorrei sapere se sono causa di infertilità o possono essere conseguenza per il feto.. ho letto della tiroide mi sono n po spaventata.

Denise Agarini

Salve la mia dottoressa mi ha fatto fare le analisi poiché dall’estate scorsa ho sintomi di stanchezza mal di testa prudito sipsi e diarria siamo partiti da varie analisi allegologhe ma non risulta nessuna allergia allora mi ha fatto fare esami del sangue e urine ma non risulta niente ho notato l’ormone tireostimolante a 4.30 ma la mia dottoressa dice finché è sotto i valori di lasciarlo perdere.
ma dovrei fare altro esami?grazie

Ilica Constanta

Buonasera ,fatto esami autoimmunita tiroidea(Ab Anti.tireoglobulina Ab Anti-perossidasi tiroidea,il risultato e INFERIORE a 1 ,il TSH risultato e 2,027 Grazie

ROCCO IORILLO

Sono stato operato di tiroide, con asportazione totale. Attualmente assumo Eutirox 75 mg. Da esami effettuati risulta FT3 pari a 2,82; FT4 pari a 0,94 e TSH pari a 6,024. Atteso che quest’ultimo valore risulta essere alto, quale potrebbe essere la cura per riportarlo nella norma?
Cordiali saluti

barbara calvelli

ho ritirato gli esami della tiroxina libera ft4 s e i valori sono 10.7pmo mi devo preoccupare.

CRISTINA

Buonasera, ho ritirato gli esami che il medico mi ha prescritto per probabile ipotiroidismo . diagnosi basata su valori TSH a 4.92 su esami anno scorso. Volevo un suo gentile parere su valori esami recentissimi. 2014 2015 TSH 4.92 1.87 2013 2015 FT3 3.90 2.36 FT4 1.50 10.90 grazie cristina

Ary

Mia figlia di quattordici anni ha fatto un ecografia alla tiroide e l’esito è stato:l’esame ecografico della loggia tiroidea mostra ghiandola normale per sede dimensioni e morfologia.il, lobo sinistro presenta diametri16x14mm, il sinistro diametri 15x14mm.istmo delle dimensioni di 4mm, la ghiandola appare di aspetto finemente disomogeneo per la presenza di minute formazioni ipocogene che le conferiscono un aspetto pseudonodulare come da processo flogistico cronico.trachea in asse in sede mediana. In sede laterocervicale bilateralmente si apprezzano alcuni linfonodi a morfologia reattiva con ilo centrale ben evidente, il maggiore dei quali delle dimensioni di 22mm in sede laterocervicale destra Cosa significa tutto… Leggi il resto »

fiammetta gianni

Buonasera ho ritirato gli esami e ho TSH 1.00 FT3 2.7 FT4 11.0 mi devo preoccupare grazie.

Dala

Mi hanno riscontrato tsh <0,3 e ft4 a 0,86 quindi mi sembra valori bassi di tsh e bassi di ft4. Cosa sta a significare? Avevo fatto questo controllo per aumento di peso. Grazie

Antonella

buonasera.. mi hanno trovato il TSH basso (6 mu/l) ma i miei ormoni sono normali, o almeno credo (ft3=3.7 e ft4=1.5). è normale? devo preoccuparmi?

Copyright Esamievalori.com 2018

Log in with your credentials

Forgot your details?